Bozza consegnata! / Draft delivered!

Recentemente [scroll down for English] ho finito la bozza completa di un manoscritto che sto scrivendo come ghostwriter. Come premio, festeggio un pochino e mi concedo un momento per riprendere fiato, poi vado avanti.

Parlo di “bozza” perché, come sanno scrittori e traduttori, la prima consegna del tuo lavoro generalmente non è mai quella definitiva. Ogni progetto di traduzione, ghostwriting, editing o una combinazione di questi, è composto da diversi passaggi prima che il testo sia pronto per la pubblicazione. Il trucco sta nel rispettare i tempi e le fasi ed evitare la tentazione di correre.

Quando la bozza è completa vuol dire che ho fatto le mie ricerche e ho scritto (o tradotto) la mole del libro. Ci sono sempre modifiche che vengono fatte dopo, ma il testo nel suo complesso ha già preso forma.  È un momento di commozione quando termino il manoscritto, lo rileggo e lo riaggiusto prima di inviarlo al cliente. Di solito è il culmine di mesi di lavoro in contatto diretto con la storia e mi sento come una lettrice che arriva all’ultima riga di un romanzo che l’ha toccata profondamente. Le emozioni sono molte e spesso contrastanti, come succede con tanti eventi nella vita.

Ora che il mio cliente ha la bozza in mano, lo leggerà e farà i suoi commenti. Spesso, dopo la sua approvazione, passo il testo a dei lettori beta di mia fiducia per avere un riscontro anche da loro. Quando una professionista lavora giorno dopo giorno a un libro, diventa difficile vederlo in modo obiettivo e altri occhi sono di grande aiuto. Poi, seguono le varie fasi dell’editing (possono occorrere anche diversi passaggi) e ci sono anche da sistemare le altre parti come i ringraziamenti, le didascalie per le foto, se ci sono, e la sinossi.

È un processo produttivo che richiede lavoro di squadra, creatività nel risolvere i problemi e tante ore davanti al computer. È anche un atto di amore e, spero vivamente, che il mio cliente (per primo) e il lettore (per secondo) possano percepirlo.

 

I’ve recently completed the draft manuscript of a ghostwriting project for a client. As a reward, I allow myself a tiny celebration and a moment to catch my breath, and then it’s on to what comes next.

I say “draft” because, as any writer or translator knows, the first delivery of your work is rarely the final version. Each project—whether it’s translating, ghostwriting, editing or a combination thereof—involves several different phases before it’s ready to be published. The trick lies in staying on track and avoiding the urge to rush through the necessary steps.

When I speak of completing the full draft I mean that I’ve done my research and written (or translated, as the case may be) the bulk of the book. There will surely be edits and modifications, but the text as a whole is formed. Reaching the end of the manuscript, then going back and re-reading and making adjustments prior to sending it to the client is for me an emotional moment. It’s the culmination of usually months of close contact with a story and feels a lot like when, as a reader, you get to the last lines of a long book that has touched you deeply: mixed emotions, as with so many events in a person’s life.

Now that my client has the draft in hand, he’ll read it and make comments. Frequently, with my client’s approval, I also ask trusted beta readers to give me feedback as well. Working on a text day after day can cloud a professional’s perspective and another pair of eyes is priceless. Then, rounds of edits (of varying sorts) will follow, along with additions like acknowledgments, captions for photos or other material such as a synopsis or blurb.

It’s a long process that requires teamwork, creative problem-solving and many hours in front of my computer. It’s also a labor of love and, hopefully, the client (first) and reader (second) can sense that.

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s