Essere un autore indie / Being an indie author

Ho iniziato [scroll down for English] a scrivere questo post con la frase. “Nel 2018 ho imparato…” e poi mi sono fermata. Non perché non sapessi cosa avevo imparato ma perché la mia testa è piena di idee.

Leggo moltissime newsletter, blog e articoli—principalmente in inglese—sul mondo dell’autore indie: quale sono le novità, come raggiungere i lettori, suggerimenti per essere più produttivi, l’importanza della qualità, come fare un marketing efficiente. Non riesco a scegliere quattro o cinque cose nuove—il mondo dei libri è in costante evoluzione! Ma se devo dare un consiglio agli autori italiani (e non solo) è questo: un autore indie è un imprenditore che porta avanti la sua attività con degli scopi precisi, sfruttando le possibilità sia tradizionali che non. C’è chi scrive per hobby, per elaborare eventi personali, per scappare dalla realtà o per sfogo. L’autore indie può essere tutte queste cose ma è anche di più. Un autore che vuole competere nel mondo dei self-publisher deve avere un approccio mirato, professionale, calcolato.

Allora, la domanda nasce spontanea: Come si può fare il passo per diventare “indie”?

Prima di tutto, una persona che vuole essere indie deve imparare dagli altri indie. Per esempio fra un paio di mesi ci sarà il primo Indie Unconference Europe a Matera (11-13 aprile 2019). Sarà un’opportunità d’oro per imparare in un contesto di apertura e generosità. Lo scopo è di scambiare informazioni ed esperienze per aiutarsi, l’uno con l’altro. Parteciperanno anche molti esperti pronti a sostenere gli indie.

Consiglio anche di affidarsi a dei professionisti. Self-publishing non vuole dire fare tutto da sé. Vuole dire tenere nelle proprie mani la carriera, essere quello che prende delle decisioni e che dirige un’orchestra fatta di editor, agenti, cover artist, persone esperte di marketing, traduttori e magari anche attori per audiolibri. E’ un bel impegno ma, fatto nel modo giusto, può portare a grande soddisfazioni per l’autore e il lettore, proprio come una sinfonia dà piacere sia al compositore che agli ascoltatori.

Infine, bisogna ricordarsi che un autore indie deve impegnarsi nella sua professione come qualsiasi altro professionista—avvocato, ingegnere, giornalista, o commercialista che sia—in termini di aggiornamenti, partecipazione in associazioni professionali (ad es. Alliance of Independent Authors), investimenti economici, e ore davanti al proprio computer. Niente viene regalata, ma come dice il proverbio: “cose buone vengono a chi sa aspettare”. E io aggiungerei, anche a chi sa lavorare in modo intelligente.

I started writing this post with the words, “In 2018 I learned…” and then I stopped. I didn’t stop because I didn’t know what I’d learned but because my head is overflowing with ideas.

I read a lot of newsletters, blogs, and articles—mostly in English—about the world of the indie author: what are the new trends, how to reach readers, suggestions on how to be more productive, the importance of quality, how to market effectively. I can’t choose four or five new things I’ve learned—the world of books is constantly evolving! But if I were to give advice to Italian authors (and not only to Italians) I would say: an indie author is an entrepreneur who carries forward his or her work with precise goals, taking advantage of both traditional and non-traditional opportunities. Some people write as a hobby, some in order to elaborate personal experiences, some to escape reality or as a way to cut loose from constraints. The indie author can write for any or all of these reasons but there’s another level involved. A writer who wants to compete in the world of self-publishers needs a targeted, professional, and calculated strategy.

The question you’re asking at this point is: How can a person become an indie author?

First of all, indies learn from other indies. For example, in a few months, there will be the first Indie Unconference Europe in Matera Italy (11-13 April 2019). This will be a golden opportunity to learn in a context of openness and generosity. The aim is to exchange information and experiences in order to help each other. Also a number of experts ready to help indies are going to participate.

Another piece of advice is to trust professionals in the field. Self-publishing does not mean doing it all yourself. It means holding your career in your own hands, being the one who makes the decisions and the one who directs the orchestra, made up of editors, agents, cover artists, marketing experts, translators, and maybe even actors for an audioboook. It takes a lot of work but done right it can lead to great satisfaction, for the author and readers, much like a symphony gives pleasure to both composer and the audience.

Finally, it’s important to remember that an indie author has to be committed to his/her profession just like any other professional—for example, a lawyer, engineer, journalist or accountant—by putting in time with continuing education, belonging to professional associations (e.g. the Alliance of Independent Authors), economic investment and hours in front of a computer. Nothing comes free but as the proverb says, “good things come to those who wait.” I would also add, to those who know how to work intelligently. 

 

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s